Home > Punti della briscola

Punti della briscola

Punti della briscola

Egli non sarà costretto a gettare una carta dello stesso seme di quella già scoperta nel tavolo. Ad aggiudicarsi la mano sarà o il primo giocatore che determina il seme di mano calando la carta detta carta dominate , o un altro giocatore che scarta una carta del seme di mano con valore maggiore oppure giocando una qualsiasi carta del seme di briscola, anche con valore di presa inferiore rispetto alla carta dominante. Vince chi cala la carta di briscola dal valore di presa maggiore o da chi cala una carta del seme di mano con presa maggiore.

Se nessuno riesce a rispondere alla prima carta dominante del primo giocatore sarà costui ad aggiudicarsi la mano. In questa eccezione vince colui che ha giocato la briscola maggiore. Chi si aggiudica la mano prende tutte le carte e le dispone davanti a sé coperte, poi sarà il primo a ridistribuire le carte per una nuova mano. La partita procede fino all'esaurimento delle carte del mazzo momento in cui ha inizio l'ultima mano che è quella più importante.

In quest'ultima fase sono spesso presenti le carte dal valore più elevato e quindi data l'importanza della giocata,da cui dipende l'esito del gioco,vengono introdotte regole come il non parlare o scambiarsi le carte tra compagni di squadra. Vince la partita colui o la coppia che realizza il maggior punteggio sommando i punti di ogni carta presa durante il gioco. Una partita è vinta se il giocatore o la coppia o la squadra ottengono almeno Previous Previous post: Briscola rotonda dei cavalieri.

Il ruolo del cartaio viene determinato a caso, mediante la regola del " bàs fà màs " per esempio, e nel corso delle smazzate i giocatori si alternano, in questo ruolo seguendo l'ordine di gioco. Il cartaio distribuisce le carte in senso antiorario o orario, ogni regione ha le sue abitudini tre carte a testa, dopodichè pone una carta scoperta, di traverso, sotto il mazzo rimanente, che costituisce il tallone. Il seme della carta rivoltata, è detto di briscola, ed è il seme più forte. In figura la briscola è di Bastoni.

Secondo alcune varianti quando la briscola estratta durante la distribuzione è un Asso, un Tre o un Rè essa va rimessa a caso dentro il tallone, e ne va estratta un'altra, se anche la seconda è un Asso, un Tre o un Rè, il mazzo viene completamente rimestato. Per questa regola esiste anche una specie di filastrocca, che recita: Asso, Tre, Rè in tavola non c'è! Ora inizia il gioco vero e proprio, il primo giocatore, a destra del cartaio se il gioco si svogle in senso antiorario, altrimenti quello alla sinistra , gioca una carta. I suoi avversari, seguendo l'ordine di gioco, devono, a loro volta, giocare una carta e cercare di superare l'operazione si chiama strozzare le carte giocate.

Parlare di valore di presa significa indicare quanto una carta sia più forte di un'altra. Il Sette ha un valore di presa più alto di un Quattro quindi è lui a vincere la giocata. L'ordine di presa, termine che spesso sentirete nominare quando vengono spiegate le norme di un gioco di carte, indica la scala gerarchica delle carte, dalla più forte alla più debole. Quella più forte vince su quella più debole. L'ordine di presa nella Briscola è il seguente Dal più alto al più basso: Questo significa che l'Asso vince su tutti, il Due perde contro tutti, il Fante vince sul Cinque ma perde contro il Re e via dicendo, si noti come non siano in ordine strettamente numerico, infatti l'Asso e il Tre sono le più forti.

Nel gioco della briscola non è il solo valore della carta a far guadagnare una giocata. S e il primo gioca un Sette di denari e il secondo un Cavallo di spade, nonostante il Cavallo abbia maggior valore non strozzerà il Sette in quanto è di seme diverso, sarebbe necessario una carta di denari dall'Otto in sù per strozzare un Sette di denari. Le briscole sono tutte le carte dello stesso seme della carta scoperta sotto al tallone. Queste ultime strozzano tutti gli altri semi anche se hanno un valore più basso. Possono a loro volta essere battute solo da un'altra briscola di maggior valore.

Il giocatore che butta la carta più forte raccoglie tutte quelle giocate durante la mano e le pone in una pila vicino a sè stesso. Lo stesso giocatore deve ora pescare per primo dal tallone, gli altri lo fanno seguendo l'ordine di gioco, preparandosi in questo modo alla mano successiva nella quale è sempre detto giocatore a calare per primo. In figura un'altro esempio di situazione nella Briscola, il Quattro di Spade viene strozzato dal Tre di Spade, il terzo giocatore "taglia" con una briscola, un Due, il quarto giocatore fa la presa calando il Re di Briscola.

Al termine della smazzata ogni giocatore conta i punti che sono presenti nella propria pila di carte. Per giocare in due valgono considerazioni appena fatte. Vince la smazzata il giocatore che ottiene almeno 61 punti. Per giocare in tre è necessario rimuovere una carta dal mazzo altrimenti ne avanzerebbe una. Tipicamente viene tolto il famoso Due di picche o di spade.

Il giocatore che si aggiudica più punti di ciascuno dei due avversari vince la mano. Il pareggio si ha quando tutti i giocatori ottengono 40 punti. La Briscola in quattro giocatori si gioca a coppie alternate, questo significa che i due giocatori agli estremi opposti del tavolo stanno in squadra assieme, gli altri due appartengo a loro volta alla seconda squadra. Questo modo di fare le squadre è detto a X, ed è comune a innumerevoli giochi. Insomma ci si dà disposizioni a vicenda per una migliore strategia di gioco.

O ancora c'è l'obbligo di rispettare il silenzio, decidendo da soli di volta in volta qual'è la migliore strategia di gioco. Tipicamente è meglio giocare per secondi se si gioca in due, per ultimi se si gioca in tanti, perchè in questo modo si conoscono le carte giocate dagli avversari, permettendovi di decidere con serenità la vostra strategia. Quando si gioca per primi, spesso è sconsigliabile giocare un liscio, perchè una mossa del genere facilita la strozzata da parte dei vostri avversari che si aggiudicherebbero preziosi punti con minima fatica.

In questi casi la giocata migliore potrebbe essere un Fante, o un Cavallo non di briscola -in quanto le briscole è meglio tenersele per strozzare-. Una carta che fornisce pochi punti ma ha tuttavia un buon valore di presa. Una mossa del genere potrebbe spingere l'avversario a sprecare controvoglia una carta di briscola che altrimenti sarebbe pericolosa per i vostri carichi. Naturalmente c'è il rischio che l'avversario possa strozzare a sua volta con un carico.

Una variante molto divertente di questo gioco si ha con la cosiddetta Briscola Scoperta.

Regolamento briscola - giochi di carte online gratis.

Lo scopo del giuoco della Briscola è quello di ottenere, mediante le prese, più punti dell'avversario per aggiudicarsi la singola smazzata. Tipicamente si gioca a . quindi in un avvicendamento di diverse mani che si a concentrarsi il maggior numero di punti; spesso. Briscola. La briscola è un gioco di carte molto diffuso su tutto il territorio Italiano. con lo scopo di aggiudicarsi la mano o totalizzare il maggior numero di punti. Regole e varianti del gioco di carte Briscola italiana, con collegamenti ad altre fonti di asso: 11 punti tre: 10 punti Re: 4 punti Regina: 3 punti Fante: 2 punti. Briscola in due LE CARTE. Un mazzo di carte italiane da Gli Assi valgono 11 punti; il Tre vale 10; il Re 4; il Cavallo 3; la Donna o il Fante 2. Tutte le altre. La briscola è un popolare gioco di carte di origine italiana giocato con un mazzo inizia con la distribuzione delle carte e si conclude con il conteggio dei punti;. Le regole e il punteggio delle carte nel gioco della Briscola: come si gioca, come si calcolano i punti e i siti per giocare online.

Toplists